Le donne cambiano la storia, cambiamo i libri di storia

20 giugno 2017

Che fine ha fatto il Dalai Lama?

Grazie Angiolo, la tua chiarezza politica è inarrivabile e concordo con ogni concetto che hai espresso. La giovane generazione radicale purtroppo temo che nella sua totalità non sia proprio stata in grado di comprendere per intero le valenze dell'azione incardinata da Marco negli ultimi 25-30 anni, salvo alcuni, pochi purtroppo. La stessa vicinanza radicale col Dalai Lama è stata troppo spesso considerata in modo un po' folcloristico o puramente religioso. Ti condivido sul mio blog, sperando che aiuti qualcuno non solo a capire ma a mettersi in azione ..

CHE  FINE  HA  FATTO IL  DALAI LAMA?
di Angiolo Bandinelli

Da "L'opinione delle Libertà", 20 giugno 2017

Che fine ha fatto, dove è ora Tenzin Gyatso, il quattordicesimo Dalai Lama, suprema autorità spirituale  del buddismo tibetano e, fino a qualche tempo fa, anche leader politico di quel Paese?  Può essermi sfuggito  ma mi pare  che  l'illustre personaggio abbia smesso di portare la sua figura, la sua preghiera, in giro per il mondo, simbolo vivente e operoso del desiderio e della volontà di sopravvivenza della sua terra, dagli anni '50 occupata dalla Cina e sottoposta a un duro regime tendente a sopprimerne le peculiarità identitarie -  religiose, culturali ed etniche. E' già un dimenticato? Sembra. Anche dai grandi amici radicali? Temo di sì. 
Nel suo lungo, incessante pellegrinare, il Dalai Lama si vide più volte chiudere la porta in faccia, mi pare anche dal Vaticano. La sua presenza dava fastidio, Pechino inviava una nota di protesta al Paese troppo ospitale verso una figura  ritenuta pericolosa per i suoi disegni. Al mite profeta della nonviolenza non restava che piegarsi al diktat, non sempre  sostenuto e difeso da chi avrebbe dovuto. Ma una persona gli fu sempre a fianco, nutrito dei suoi  stessi ideali e progetti, Marco Pannella. Pannella non solo condivideva con lui la metodologia di lotta nonviolenta di origine e ispirazione gandhiana, ma appoggiò  calorosamente la sua decisione, di non rivendicare più,  per il  Tibet, l'indipendenza dalla Cina occupante, ma di chiedere a Pechino di porre in essere una nuova statualità, con una Costituzione inclusiva,  di tipo federale, che consentisse la salvaguardia dei  valori diversi coabitanti sotto le stesse regole civili. Sarebbe stato probabilmente coinvolto in questa prospettiva anche il popolo degli Uiguri, mongoli mussulmani assoggettati da Pechino alla stessa violenza livellatrice: una questione su cui Pannella seppe attirare l'attenzione dell'opinione pubblica mondiale. 
Pannella innalzò a tema universale la proposta del Dalai Lama, e soprattutto le sue motivazioni, che per il leder radicale avevano un valore rivoluzionario. Il Dalai Lama esplicitamente e più volte  affermò che la sua indicazione tendeva ad aprire un orizzonte istituzionale più democratico:  innanzitutto, per gli stessi cinesi. Abbandonato ogni progetto egemonico, Pechino sarebbe divenuto centro aggregatore di diversità e di valori anche "altri", con indubbia crescita di consapevolezza civile.  Pannella fece sua e sviluppò  la prospettiva, che inverava sue lontane intuizioni: il  Dalai Lama diveniva il momento conclusivo di una storia su cui Pannella si era speso intensamente, da quando aveva sposato la causa  dei Montagnards, il complesso polietnico di popoli che vivevano nelle montagne del Vietnam e vennero sistematicamente sottoposti a feroci angherie da parte dei governi vietnamiti. Pannella si batté  anche in sede ONU perché il genocidio venisse fermato, attirandosi le ire di Pechino. Dai Montagnards al Dalai Lama, la difesa delle minoranze diventò uno degli obiettivi di fondo del partito pannelliano. Ma Pannella si spinse anche oltre, prefigurando un mondo nel quale ogni uomo e donna, indipendentemente da religione come da governo, da credenze e valori,  possa godere di diritti analoghi, comuni: secondo il leader radicale, occorrerebbe stabilire una sorta di "Charter"  dei diritti civili e umani a carattere universale, come approfondimento e inveramento del "Charter" dei diritti su cui è fondata l'ONU.
Il progetto è ancora attualissimo, non come sogno utopico ma come urgenza politica dei nostri tempi. Sovranismi e localismi, fondamentalismi e settarismi di ogni genere si oppongono oggi, in ogni parte del globo, al riconoscimento di una universalità dei diritti della persona che invece appare evidente esigenza dinanzi agli incalzanti eventi che stanno attraversando il nostro tempo in forma epocale,  tra sconvolgimenti territoriali e inarrestabili migrazioni.  Purtroppo, la scomparsa di Marco Pannella sembra aver segnato una battuta di arresto nel confronto politico su questi temi. Non c'è più la sua determinazione, la sua intelligenza, a guidarci, i relitti scomposti e dispersi  della galassia radicale, nel loro inseguirsi  e disputare su questo o quel frammento della eredità del grande leader, hanno persino cancellato il nome del Dalai Lama dalle loro agende. Troppo difficile, troppo attuale, troppo impegnativo  Forse sarebbe opportuno rimuovere, dalla sede del PRNTT, la grande foto che ritrae i due leader abbracciati. Però, il PRNTT è ancora tra le ONG riconosciute dall'ONU. E all'ONU il "Global Committee for the Rule of Law", un soggetto della galassia di cui è presidente l'ambasciatore Terzi di S. Agata, sta lavorando su un tema molto pannelliano, il "diritto  umano universale  alla conoscenza". Perché non farlo nel nome e nello spirito del Dalai Lama?

16 giugno 2017

italialaica news n. 07/2017

.it

Il sito dei laici italiani vi segnala:


Articoli




Eventi




e molto altro ancora su: italialaica.it  sito dei laici italiani

5 giugno 2017

RIMINI-ISIS ?

 UN FLUSSO DI SOLDI CHE CREA MOLTI SOSPETTI

Rimini-Isis. La città nota per essere una delle località balneare più famose d’Italia avrebbe legami con il terrorismo islamico di Daesh. Il sospetto ha spinto la Procura della Repubblica di Bologna a iscrivere nel registro degli indagati 9 persone, tutti appartenenti al settore alimentare: piccoli imprenditori e commercianti, perfettamente integrati nella società.

Cinque marocchini, due albanesi, un macedone e un tunisino, dai 27 ai 49 anni, tutti residenti in Emilia Romagna, a cui la Digos e Finanza sono arrivati grazie al flusso di soldi che partiva dal Cesenate e dal Riminese destinato ai paesi del Maghreb, al Belgio, alla Germania e alla Francia e non ultime, grazie alle intercettazioni che li collocavano su pozioni dell’integralismo islamico.

In un solo anno, nel 2014, uno dei nove personaggi indagati per l’articolo 270 bis (che punisce le associazioni con finalità di terrorismo e di sovversione dell’ordine pubblico) ha spedito all’estero una cifra vicina al milione di euro. A cosa servisse quel denaro è ancora al vaglio degli investigatori, che pochi giorni fa hanno perquisito le abitazioni degli indagati e hanno portato via: sim italiane ed estere, pc fissi e portatili, hard disk, pennette Usb, telefoni cellulari, contabilità e agende.

Secondo gli investigatori, che stanno analizzando il materiale per verificare se c’è qualche riferimento alla propaganda terroristica o al terrorismo, Rimini sarebbe diventato il centro di riferimento del terrorismo...

[Leggi tutto l'articolo sul sito  di  Progetto Dreyfus>> http://www.progettodreyfus.com/rimini-isis/ ]